Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitą alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitą

A cura di Ledha

Archivio notizie

12/09/2017

All'istituto "Rosa Luxemburg", primo giorno senza barriere

La societą "Mobility Center" ha donato un "cingolo" mobile per superare le scale d'ingresso, in attesa della realizzazione di una rampa che verrą donata da un'associazione.

Primo giorno di scuola oggi, all’istituto professionale “Rosa Luxemburg” di Milano, che ha riaperto i cancelli con un’importante novità: un “cingolo” mobile che permetterà agli alunni con disabilità di accedere all’istituto in attesa che venga realizzata una rampa. “Dobbiamo presentare il progetto a Città Metropolitana, poi daremo il via ai lavori che dovrebbero concludersi entro Natale”, spiega la dirigente Annamaria Borando.

Fino allo scorso anno scolastico, entrare in classe era spesso una sfida per gli studenti con disabilità motorie. La rampa di scale esterna all’istituto, infatti, era dotata di un montascale che –non essendo specificatamente progettato per uso esterno- era spesso guasto. Costringendo gli studenti con difficoltà motorie a un lungo e scomodo attraversamento del giardino dell’istituto. Particolarmente disagevole soprattutto nelle giornate di pioggia.

Una rampa rappresenta la soluzione perfetta per superare i gradini, anche per quegli studenti che hanno altri problemi di mobilità. "Uno dei nostri ragazzi fatica a fare le scale perché deve usare un tutore, la rampa per lui sarebbe la soluzione ottimale", spiegaBorando Ma la Città Metropolitana non ha le risorse necessarie per affrontare l’intervento. Grazie alla collaborazione del Municipio 7 della Città di Milano è stato creato il contatto tra la scuola e Mobility Center di Milano, società attiva nel comparto della mobilità e delle barriere architettoniche (presente anche con servizi permanenti già in Expo e in Fiera di Milano) che dopo aver verificato la situazione dell’Istituto, ha deciso di donare alla scuola il “cingolo” mobile e successivamente di realizzare la rampa fissa. “Non si tratta solo di beneficenza -spiega l’architetto Andrea Ferretti, Presidente di Mobility Center- perché questo intervento è il primo di una lunga serie, è il primo passo di un progetto più strutturato con cui vogliamo affiancare il Comune di Milano nell’abbattimento delle barriere architettoniche individuate dal PEBA a costo zero per la collettività”.

Inoltre, questa collaborazione pubblico-privato avviata dal Municipio 7 sta portando ad individuare altri sponsor privati che mettano a disposizione della Città Metropolitana di Milano ulteriori risorse economiche per progettare e realizzare una soluzione strutturale definitiva che consenta ai ragazzi di entrare a scuola con una rampa fissa costruita ai sensi di legge. “Con il sostegno dei privati, ci offriremo di finanziare e realizzare tutti gli interventi necessari per rendere accessibili scuole, metropolitane, uffici pubblici, ospedali, musei –aggiunge Ferretti-. Per fare questo stiamo costituendo un’associazione senza scopo di lucro che si occuperà del progetto”.

“Quello che siamo riusciti a fare al Luxemburg -spiega Marco Bestetti, presidente del Municipio 7 - è un ottimo esempio di come pubblico e privato possano risolvere insieme i problemi, con competenza, efficienza e rapidità. Ma è solo il primo passo. Il nostro Municipio ha intenzione di lavorare molto sul tema del superamento delle barriere architettoniche, perché siamo convinti che sia un obbligo morale e di civiltà verso i nostri cittadini. Ora intendiamo rafforzare la collaborazione con la nascente Associazione di Andrea Ferretti per realizzare tanti altri progetti di superamento delle barriere architettoniche, a costo zero per i cittadini”.

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilitą

Ledha Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it

Informativa sull'uso dei cookie

Realizzato da Head&Hands & MediaDesign