Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio opinioni

13/05/2018

Basta scuse! Deve esserci la paritÓ di accesso al trasporto ferroviario

Di Yannis Vardakastanis

Mentre in Europa si discute la riforma delle normative sul trasporto ferroviario, milioni di persone con disabilitÓ non possono viaggiare liberamente. ╚ ora di abolire l'obbligo di prenotazione all'assistenza

Vuoi prendere un treno tra un’ora? Tutto quello che devi fare è comprare un biglietto, presentarti e partire. Se io volessi fare lo stesso, non potrei. Allo stato attuale la normativa europea non mi dà il diritto di viaggiare in treno quando voglio. È arrivato il momento di cambiare la legge.

La maggior parte delle persone dà per scontato il proprio diritto di prendere il treno, io no. Ma ora che i deputati al Parlamento europeo stanno ultimando i loro emendamenti al regolamento Ue sui diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario, otterrò gli stessi diritti degli altri cittadini europei europei?

In Europa una persona su sei ha una disabilità. La maggior parte dei treni e delle stazioni ferroviarie in Europa sono ancora inaccessibili. Di conseguenza, 80 milioni di cittadini europei con disabilità e milioni di altri passeggeri a mobilità ridotta non possono ancora viaggiare in tutta Europa in modo indipendente. Io sono uno di loro.
 In quanto cieco ho bisogno di assistenza per prendere il treno giusto. Per una persona su sedia a rotelle può essere necessaria una rampa per salire a bordo del treno nella stazione di sua scelta. Tuttavia, il diritto dell'UE ci impone di dare un preavviso di due giorni per ottenere l'assistenza di cui abbiamo bisogno, anche per i nostri spostamenti quotidiani.
 

Pensateci.

Io sono una persona cieca, quindi non posso guidare. Viaggiare in treno dovrebbe essere facile, ma in realtà è questo quello che accade. Se in una bella giornata volessi andare in spiaggia, non potrei andarci in treno. Se avessi un’emergenza familiare e dovessi andare in un’altra città per incontrare dei parenti non potrei usare il treno. Se avessi bisogno di una visita medica urgente, in una città diversa da quella dove vivo non potrei andarci in treno.

Non possiamo viaggiare come tutti gli altri. È frustrante, fastidioso e richiede tempo. In una parola, inaccettabile

Pensate che tutti possiamo accedere al trasporto ferroviario? Ricredetevi

Abbiamo tutti bisogno di andare al lavoro, andare a un appuntamento, andare a trovare amici o familiari, partecipare a una riunione organizzata all’ultimo minuto. Riuscite a immaginare cosa significa non avere diritto alla possibilità di essere indipendenti nella scelta dei propri viaggi? Cosa significa non avere accesso a opzioni convenienti per viaggi urgenti? Per le persone con disabilità che hanno bisogno di assistenza non c’è un reale diritto a viaggiare liberamente in tutta Europa. Le regole in vigore per prenotare e ottenere l’assistenza sono obsolete, sproporzionate e discriminatorie. Devono essere abolite.

Rendere pienamente accessibili tutte le infrastrutture e i veicoli è una parte della soluzione, ma questi cambiamenti non possono avvenire dall’oggi al domani. Nel frattempo, vogliamo avere il diritto di “salire e scendere” in qualsiasi stazione e ottenere l’assistenza di cui abbiamo bisogno per prendere i nostri treni. Questo dovrebbe far parte del servizio di assistenza standard per i viaggiatori del XXI secolo in tutta l'UE, in ogni stazione ferroviaria e per ogni treno.

La parità di accesso ai trasporti è una questione di diritti umani. L'UE e tutti i suoi Stati membri hanno ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD) e la convenzione prevede l'obbligo per tutti gli Stati parti di garantire alle persone con disabilità l'accesso ai trasporti su base di parità con gli altri. In breve, l'attuale revisione del regolamento dell'UE sui diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario deve garantire parità di accesso al trasporto ferroviario.  


È ora di adempiere a questi obblighi, quindi vorrei essere chiaro: la richiesta di fornire un preavviso di due giorni per ottenere assistenza non garantisce parità di accesso al trasporto ferroviario; l’obbligo di fornire qualsiasi tipo di preavviso per ottenere assistenza non garantisce la parità di accesso al trasporto ferroviario.

I requisiti di prenotazione per ottenere assistenza per il viaggio in treno sono discriminatori - queste regole appartengono al passato. Parità di accesso significa mettere fine all’obbligo di prenotazione dei servizi di assistenza

I cittadini europei si aspettano il diritto di viaggiare spontaneamente, il diritto di "salire e scendere" dai treni. I cittadini europei con disabilità hanno le stesse aspettative. Garantire disposizioni discriminatorie in un regolamento sui diritti dei passeggeri sarebbe contrario allo spirito e alla lettera della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità.

Per decenni ho dovuto affrontare ostacoli alla mia libertà di spostamento. Milioni di cittadini europei con disabilità affrontano le stesse barriere ogni giorno. Ora basta. Se c’è una volontà politica, le berriere possono essere rimosse. Come presidente dell’European disability forum e come persona con disabilità non accetterò regole che perpetueranno questa discriminazione. I legislatori europei hanno una responsabilità personale e collettiva di garantire parità di accesso al trasporto ferroviario per tutti i cittadini. Vogliamo il diritto di poter “salire e scendere”. Basta scuse. Le prenotazioni devono sparire. 

Facciamo in modo che questo accada

Yannis Vardakastanis
presidente dell’European disability forum

 
 

 

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilitÓ

Ledha Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it

Informativa sull'uso dei cookie

Realizzato da Head&Hands & MediaDesign