Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Ultime opinioni

23/10/2018

L'insulto della disabilitÓ

Di Giovanni Merlo

╚ successo di nuovo: per colpire l'avversario politico, il pi¨ forte indica una persona diversa -in questo caso le persone con disturbi dello spettro autistico- come modello di inferioritÓ.

Idioti, cretini, deficienti, stupidi, scemi, impediti e poi anche mongoli e ora anche autistici.
E tutti ridono e sghignazzano.

Quasi tutti gli insulti e le parolacce derivano da parole usate anche dalla “scienza” per descrivere  la disabilità.

Lo scenario è sempre quello: il più forte e il più bravo a conquistare l’attenzione della folla indica una persona diversa, come modello di inferiorità (lo “scemo del villaggio”). E la folla applaude, ride, si diverte. Lo spettacolo non è nuovo si ripete da secoli, in ogni epoca e ad ogni latitudine: ancora oggi nelle piazze come nelle scuole, nei parcheggi come nei ristoranti.

Cambiano solo le parole: idioti, cretini, deficienti, stupidi, scemi, impediti e poi anche mongoli e ora anche autistici. L’insulto viene usato per colpire l’avversario sotto la cintura: per toglierli lo status di cittadino, di persona.  

Perché è questo che Beppe Grillo ha detto domenica: le vostre parole sono come quelle degli autistici, non valgono nulla.

Colpiti e affondati: forse gli avversari politici, di certo le persone con autismo e, in solido, tutte le persone con disabilità. E non serve affannarsi a spiegare che quelle non sono solo parole ma pietre, sempre più pesanti, lanciate contro chi già è in affanno nella vita.

E non serve illustrare con parole chiare e ben argomentate che le menomazioni non tolgono nemmeno un grammo ai diritti e alla dignità di ogni  persona.
E non serve dimostrare con dati e esempi che le persone con disabilità, con gli opportuni sostegni, contribuiscono già oggi allo sviluppo sociale, economico e etico della società.
E non serve neppure far notare, sul filo dell’ironia,  che senza una persona con la sindrome di Asperger non avremmo computer, programmi e piattaforme digitali (Rousseau compresa)

Idioti, cretini, deficienti, stupidi, scemi, impediti e poi anche mongoli e ora anche autistici.
E tutti giù a ridere e a sghignazzare. Fine della storia. 
Sarà ma a me viene solo da piangere.

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilitÓ

Ledha Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it

Informativa sull'uso dei cookie

Realizzato da Head&Hands & MediaDesign