Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio notizie

02/07/2022

"Discovid", l'indagine per studiare gli impatti psicosociali della pandemia

Le persone con disabilitÓ e i loro familiari possono partecipare alla ricerca compilando un questionario online. L'iniziativa Ŕ promossa dal Governo in collaborazione con l'UniversitÓ degli Studi Milano-Bicocca

Comprendere in modo approfondito quali sono stati gli impatti psicologici e sociali della pandemia da Covid-19 sulle persone con disabilità e sulle loro famiglie e quali sono state le risorse messe in campo per far fronte a questo periodo complesso. È questo l'obiettivo del progetto di ricerca "Discovid" promosso dal Governo in collaborazione con l'Università degli Studi Milano-Bicocca.

Al fine di raggiungere il maggior numero di persone possibile, così come un buon grado di profondità nell’esplorare questi temi complessi, è stata strutturata una ricerca in diverse fasi.

La prima, consiste nella compilazione di un questionario online, con domande a risposta multipla, con un tempo di compilazione di circa 30 minuti. Obiettivo del questionario è quello di comprendere gli impatti della pandemia Covid-19 rispetto alla salute, alla vita familiare, alla partecipazione alla vita sociale e la percezione delle proprie risorse individuali per far fronte alla situazione. Il questionario è duplice e differenziato a seconda che a compilarlo siano persone con disabilità (a questo link) o familiari/caregiver di persone con disabilità (a questo link).

L’obiettivo finale del progetto è quello di identificare strategie, azioni e indicazioni da proporre in differenti sedi Istituzionali, locali e nazionali, in modo che le voci delle persone che hanno partecipato a questa ricerca possano raggiungere più persone possibile e contribuire a cambiare in meglio la realtà in cui viviamo. 

Per avere maggiori informazioni è possibile scrivere direttamente a: progetto.discovid@gmail.com

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa