Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio notizie

13/03/2024

Cresce in Lombardia la rete dei centri Dama

In dieci Asst Ŕ giÓ presente e attivo un percorso ad hoc per la presa in carico dei pazienti con disabilitÓ cognitive, comunicative e neuro-motorie. L'esito di una mappatura condotta da LEDHA

Sono passati quasi venticinque anni quando all’ospedale San Paolo di Milano è stato inaugurato il primo Dama (acronimo che sta per Disabled advanced mecial assistance). Era il 2000 quando il progetto ha preso il via nella sua fase sperimentale su iniziativa di LEDHA-Lega per i diritti delle persone con disabilità e del dottor Filippo Ghelma ed è diventato progetto regionale nel 2001.

Fin dall’inizio il Dama ha saputo dare una risposta concreta ed efficace alle esigenze di cura delle persone con gravi disabilità cognitive, comunicative e neuro-motorie. Uomini e donne che non riescono a sottoporsi agevolmente alle cure mediche, che spesso non sono nemmeno in grado di esprimere chiaramente la causa di un malessere e per le quali anche sottoporsi a un semplice esame come un prelievo del sangue o una radiografia può essere molto complesso.

Eppure, per molti anni, l’esperienza del Dama dell’ospedale San Paolo è rimasta quasi isolata fatta eccezione per il reparto “Delfino” all’ospedale Carlo Poma di Mantova (aperto nel 2007) e per il Dama Varese aperto nel 2012.

L’attenzione e la sensibilità sul tema è cresciuta con gli anni e con essa l’idea che fosse necessario estendere la rete dei centri Dama su tutto il territorio regionale. Questo percorso ha portato all’inserimento, nella legge regionale 22/2021 della “previsione, all'interno delle strutture sanitarie e sociosanitarie, di percorsi di accoglienza per l'assistenza medica avanzata e la cura delle persone con disabilità preferibilmente attraverso modelli organizzativi già consolidati”.

In concreto, questo ha portato alla diffusione del modello organizzativo Dama che attualmente è attivo all’interno di dieci delle 27 Aziende socio-sanitarie territoriali (Asst) di Regione Lombardia. In quattro Asst sono in corso di definizione gli ultimi dettagli per l’avviamento del progetto e in altre sei risultano comunque essere attivi percorsi di odontoiatria speciale o di assistenza e accompagnamento di persone con disabilità all’interno dell’ospedale per facilitare l’accesso alle cure.

LEDHA-Lega per i diritti delle persone con disabilità ha realizzato nel corso del 2023 una mappatura dei centri Dama attivi sul territorio regionale. Il risultato finale è un documento, aggiornato a dicembre 2023, in cui vengono riportate tutte le informazioni relative al singolo Dama quando questo è attivo (modalità di contatto, orari e giorni di apertura) e l’avanzamento del progetto qualora questo fosse ancora in fase di implementazione.

Quasi tutte le Asst contattate nel corso di questa ricerca hanno messo in luce la necessità di avviare un Dama sul proprio territorio, in modo da poter arrivare a costruire una “Rete Dama” effettivamente attiva e presente su tutto il territorio regionale e che sia in grado di soddisfare i bisogni di tutte le persone con disabilità. 

È possibile scaricare i report completo dal link in allegato

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa