Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio notizie

26/09/2008

Pronto "Inps ascolta" per le persone con disabilitÓ

Attivo da lunedý 29 settembre un servizio telefonico specificatamente dedicato all'ascolto e risoluzione de i problemi portati all'INPS dalle persone con disabilitÓ e loro associazioni.

SarÓ attivo da lunedý 29 il progetto regionale "INPS ascolta": due operatori dal lunedý al venerdý dalle 8.30 alle 12.00 risponderanno al numero telefonico 02/8893275 per ascoltare, fornire informazioni e risolvere problemi concernenti l'INPS delle persone con disabilitÓ e delle loro associazioni.

Un servizio telefonico dunque dedicato alle persone con disabilitÓ.

Il progetto, che prende avvio in forma sperimentale, nasce dall'osservazione che i nuovi strumenti informatici e di comunicazione non sempre sono facilmente accessibili a tutti e l'uso del telefono, se pu˛ rappresentare ancora una scelta per tradizione o per semplicitÓ ed immediatezza, per alcune persone con disagio sociale risulta essere una vera e propria necessitÓ.

Con "INPS ascolta" la Direzione Regione Lombarda dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale nel rispetto del diritto all'accessibilitÓ vuole mettere le persone con disabilitÓ in condizione di poter far meglio uso dei servizi offerti, la cui fruizione diretta presso le strutture di accoglienza al pubblico spesso Ŕ preclusa o fortemente condizionate.

Ad oggi Ŕ stata fatta una esperienza con un servizio telefonico dedicato alla persone con sorditÓ, grazie ad una collaborazione con l'Ente Nazionale Sordi. Ed Ŕ proprio sulla scorta degli esiti positivi raccolti che "INPS ascolta" oggi amplia il campo di attenzione alle persone con disabilitÓ.

E, pur partendo in fase sperimentale, "INPS ascolta" sta giÓ pensando di ampliare l'offerta ad altre persone in difficoltÓ. ╚ infatti previsto un ulteriore ampliamento del servizio, le cui fasi sono ancora allo studio, per valutare la possibilitÓ di coinvolgere anche le persone anziane con pi¨ di 80 anni di etÓ.

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa