Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilità

A cura di Ledha

Archivio notizie

02/03/2009

Come nasce "La terza nazione del mondo"

Matteo Schianchi racconta come è nato il suo recentissimo saggio che fa il punto sulla situazione della disabilità in Italia e nel mondo.

La prima idea di scrivere qualcosa sulla disabilità nasce qualche anno fa. Era un momento di forte crisi personale, sentivo che il mio handicap mi pesava tantissimo, nelle relazioni con gli altri. Sentivo nella mia quotidianità tutta quella "fatica di essere disabili" di cui parlo nel secondo capitolo, una fatica opprimente, senza soluzione. Avevo il bisogno di raccontare quella fatica, gli sforzi che avevo fatto per anni per ricostruire me stesso dopo un incidente stradale in cui ho perso un braccio e una gamba. Per fortuna non ho poi scritto nulla. Sarebbe stato un racconto autobiografico, di nessun interesse per gli altri. Non mi interessa il racconto di sé. Raccontare, qualsiasi cosa essa sia, ha secondo me un senso solo se si suscitano i sentimenti, i pensieri e le riflessioni altrui.

Alle questioni più strettamente personali si è poi aggiunto un percorso intellettuale e di ricerca. Ero laureato in storia ormai da anni, ma non avevo mai pensato che la disabilità potesse diventare un tema di analisi per le scienze sociali. Ho poi cominciato a leggere alcuni testi, a partire da Stigma di Erving Goffman che, per caso, ho trovato sul bancone di una libreria. Credo che chiunque si interessi di disabilità debba leggere questo libro. Da lì le mie letture si sono approfondite, sono andato alla ricerca di altri testi e di articoli. Ho soddisfatto i miei interessi soprattutto in Francia, dove l'attenzione delle scienze sociali per questo tema è molto più approfondita.

Con "La terza nazione" mi sembra di aver fatto convergere la mia dimensione personale di disabile con il percorso di ricerca. Ho cercato di costruire un testo che fosse il più accessibile possibile poiché credo che una "cultura della disabilità" deve poter essere fruibile al maggior numero di persone. Nello stesso tempo, ho voluto porre la questione dell'handicap come problema sociale a tutto tondo, ma anche come problema esistenziale che coinvolge tutti, e non solo i disabili.

Ho trovato il punto di raccordo tra queste diverse dimensioni nello sguardo che abbiamo tutti, normali e disabili, sull'handicap. Uno dei passaggi del libro a cui sono maggiormente legato è il seguente: "Da anni studiosi di scienze sociali e oggi anche la Convenzione dell'Onu sui diritti delle persone con disabilità sostengono che la causa iniziale dell'emarginazione di chi è disabile non è l'handicap, la menomazione in quanto tale, ma lo sguardo che posiamo, a livello individuale e collettivo, sulla disabilità. A interporsi tra il disabile e la vita non c'è l'handicap, ma lo sguardo su di esso" (pag. 14).

Il mio libro parte da qui. Ho voluto fare un percorso per comprendere le origini di questo sguardo, in termini psicologici e culturali. Ma non considero questo approccio "culturale" all'handicap una operazione intellettuale fine a se stessa: il modo attraverso cui guardiamo la disabilità ha ricadute concrete nella realtà quotidiana delle persone disabili. Quel considerare i disabili esseri inferiori è un pensiero terribile che esprimiamo come singoli e come collettività è uno sguardo nasce dalla paura che suscita in noi la semplice vista dell'handicap e si trasforma in tutti quei comportamenti e quegli sguardi che stigmatizzano ed escludono le persone disabili. Ciascun disabile sa quanto questo sguardo abbia bloccato sul nascere la possibilità di stringere relazioni, di comunicare con gli altri, di esprimere se stessi.

Matteo Schianchi

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilità

Ledha Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it

Informativa sull'uso dei cookie

Realizzato da Head&Hands & MediaDesign