Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio notizie

01/06/2010

Assessorati inutili a Palazzo Marino?

LEDHA Milano e LEDHA scrivono a Repubblica per prendere posizione rispetto ad un articolo nel quale si parla dell'Assessorato alla Salute, con delega alla disabilitÓ come di un assessorato inutile

In un precedente articolo abbiamo rivendicato il nostro ruolo di soggetto "politico" (non partitico) criticando duramente le affermazioni del Ministro Tremonti sulla non possibilitÓ di un Paese come l'Italia di essere competitivo a causa dei suoi 2.700.000 "invalidi" esprimendo il nostro "NO" alle manovre, contemplate dalla finanziaria, sulla stretta ai riconoscimenti per l'assegno di assistenza che non colpisce affatto i "falsi" invalidi ma procura un notevole danno alle persone con disabilitÓ intellettiva e cognitiva medio grave.


Oggi crediamo sia doveroso prendere posizioni riguardo ad un articolo pubblicato su La Repubblica di Milano in cui si parla dell'Assessorato alla Salute, con delega alla disabilitÓ, come di un Assessorato inutile ed in cui si sprecano soldi non in favore della cittadinanza.
LEDHA, con l'indipendenza che ha sempre contraddistinto le sue posizioni, vuole invece esprimere il proprio apprezzamento per il lavoro svolto dall'Assessore Landi Di Chiavenna e dal suo Staff.
Con l'Assessorato alla Salute in questi anni siamo riusciti finalmente ad avviare un confronto serio e rispettoso dei reciproci ruoli ed affrontare vari aspetti che riguardano la vita quotidiana delle persone con disabilitÓ e delle loro famiglie.
Una cosa particolarmente importante Ŕ da questo confronto si sono aperte possibilitÓ di spazi di sperimentazione che da anni immemori in Comune erano stati praticamente cancellati. Dalla ResidenzialitÓ (Appartamenti protetti, piccole comunitÓ) alla Vita indipendente, sul cui prossimo bando stiamo lavorando insieme per renderlo effettivamente corrispondente a quanto previsto dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilitÓ, fino all'apertura di un serio confronto su un tema difficile come quello sulla compartecipazione alla spesa su cui speriamo di raggiungere un risultato serio che tenga conto di tutte le problematicitÓ esistenti ed alla realizzazione di un Osservatorio sull'accessibilitÓ in previsione anche di Expo 2015.
Tutto questo non vuol dire che LEDHA e l'Assessorato alla salute si trovino sempre d'accordo sulle rispettive proposte o iniziative, ma che si Ŕ creato un modello di rapporto e di risultati ottenuti che ci possono senz'altro portare ad affermare che la definizione dell'Assessorato alla Salute come un Assessorato inutile Ŕ non solo ingeneroso, ma non rispondente alla realtÓ che quotidianamente le Associazioni che tutelano i diritti delle persone con disabilitÓ vivono in prima linea in un confronto dialettico con l'assessorato.


LEDHA coglie l'occasione per rilanciare una richiesta giÓ resa nota all'Amministrazione Comunale di prevedere un rafforzamento delle competenze dell'Assessorato facendo in modo che possa gestire l'insieme degli interventi di natura sociale in favore delle persone con disabilitÓ, oggi ancora frammentati, come ad esempio la gestione degli assistenti educativi nella scuole il sostegno all'inserimento lavorativo delle persone con disabilitÓ ed infine gli interventi rivolti alle persone con disabilitÓ che diventano anziane. Una iniziativa di carattere organizzativo che avrebbe positive ripercussioni nella vita delle persone con disabilitÓ della nostra cittÓ che vedrebbero, almeno a livello comunale, un unico punto di riferimento per le diverse fasi e necessitÓ della vita.
Oggi non Ŕ pi¨ possibile parlare ed affrontare il tema della disabilitÓ solo come questione assistenziale o peggio, come fatto dal Ministro Tremonti, come un problema di costi. Oggi, dopo l'approvazione della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilitÓ, si deve riconoscere che la risposta alle esigenze dei cittadini con disabilitÓ Ŕ prima di tutto il riconoscimento dei diritti di piena partecipazione alla vita sociale. Su questa strada Milano ha compiuto qualche passo in avanti anche grazie al lavoro dell'Assessorato alla Salute ed alla DisabilitÓ.

Marco Rasconi, presidente LEDHA Milano

Fulvio santagostini, presidente LEDHA

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa