Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilità

A cura di Ledha

Archivio notizie

09/12/2010

"Oltre la famiglia: strumenti per l’autonomia dei disabili"

Quale futuro per i disabili alla scomparsa dei genitori? Offre risposte a questo interrogativo uno studio realizzato dall'Osservatorio dell'Unità Strategica per la Filantropia di Fondazione Cariplo

La ricerca, quarto volume della collana de "I Quaderni dell'Osservatorio", propone come soluzione la messa a punto di servizi in sinergia tra pubblico, privato e privato sociale, delineando un modello di cosiddetto "secondo welfare". A differenza del "welfare state" tradizionale, il "secondo welfare" prevede il progressivo trasferimento di responsabilità dalla sfera pubblica a quella del sociale in senso ampio, all'interno della quale Fondazioni (come Cariplo) e Terzo Settore possono contribuire a migliorare la qualità e a ridurre i costi degli interventi.

La ricerca si muove lungo tre direttrici:

- analisi degli interventi pubblici in 40 comuni lombardi
- esame delle soluzioni realizzate o progettate dalle associazioni di famiglie
- valutazione di nuove possibilità di azione per Fondazione Cariplo a vantaggio delle famiglie coinvolte.

E' dedicato ampio spazio all'ipotesi di creazione di una Fondazione specializzata, che si occupi di acquistare nude proprietà immobiliari da concedere in usufrutto al disabile, di negoziare coperture assicurative sul rischio di morte dei genitori ed eque rendite vitalizie per i figli.

Vai al sito dedicato

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa