Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio notizie

22/11/2011

A maggio la prima fiera evento sulla disabilitÓ

Si svolgerÓ dal 24 al 27 maggio 2012, nel centro espositivo di Rho di Fiera Milano, Reatech Italia 2012, una fiera-evento sulla disabilitÓ, la prima di questo genere organizzata nel nostro Paese.

Scopi e contenuti dell'evento sono stati illustrati in una conferenza stampa a Palazzo Pirelli che ha visto la partecipazione dell'assessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e SolidarietÓ Sociale della Regione Lombardia Giulio Boscagli, insieme a Enrico Pazzali (amministratore delegato Fiera Milano) e ai rappresentanti delle associazioni e delle imprese che patrocinano e prendono parte alla Fiera (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap, Associazione Nazionale fra i Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro, Federazione tra Associazioni nazionali delle persone con disabilitÓ, Guidosimplex).

 

Reatech Italia, nata sulla scorta di una consolidata esperienza brasiliana, si propone come un luogo di incontro e confronto per tutti coloro che operano nel campo della disabilitÓ e della riabilitazione: istituzioni, associazioni, produttori e distributori di ausili, operatori del turismo e dello sport, operatori sanitari, pedagogisti e ricercatori. "Al di lÓ di facili semplificazioni e schematismi - ha spiegato Boscagli - all'origine di ogni iniziativa c'Ŕ sempre la stessa cosa e cioŔ una persona di fronte alla realtÓ e di fronte al bisogno con la sua capacitÓ di inventare e di rischiare. Il fatto che Fiera Milano entri nel campo della disabilitÓ, rompendo lo schema che vuole una divisione tra impresa e sociale o tra profit e non profit ad esempio, Ŕ un fatto di grandissimo interesse, che dobbiamo valorizzare". "E' infatti la societÓ nel suo insieme che deve muoversi - ha aggiunto l'assessore - e non solo gli 'addetti ai lavori', a maggiore ragione in un momento come quello attuale, in cui il tradizionale sistema di welfare non regge pi¨".

 

"In Lombardia - ha proseguito Boscagli - su questo tema c'Ŕ un'attenzione particolare. Lo testimonia il nostro 'Piano d'azione regionale 2010-2020 per le persone con disabilitÓ', i cui contenuti sono illustrati nelle brochure da poco realizzata intitolata 'Liberi di essere'". "Grazie a questo Piano - ha aggiungo Boscagli - tutte le politiche regionali sono coordinate per rispondere ai bisogni delle persone con disabilitÓ. Il fascicolo 'Liberi di essere' si rivolge a tutti i cittadini lombardi e serve a far capire quello che Regione Lombardia fa per venire incontro alle esigenze. La sfida Ŕ abbattere le barriere di ogni genere e creare un ambiente favorevole che dia la possibilitÓ a tutte le persone di vivere con la stessa libertÓ di scelta".

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa