Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitą alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitą

A cura di Ledha

Ultime notizie

13/06/2019

Reddito di cittadinanza: ENIL IItalia raccoglie adesioni per ricorso collettivo

Il Parlamento non ha accolto gli emendamenti presentati per rendere il testo della norma pił attento alle condizioni delle persone con disabilitą. L'associazione si prepara all'azione legale e cerca persone intenzionate ad aderire

L’annuncio dell’introduzione del reddito di cittadinanza e della pensione di cittadinanza avevano suscitato forti aspettative nelle persone con disabilità e nelle loro famiglie. Tuttavia, in sede di conversione del Decreto Legge 4/2019 (che ha introdotto il “Reddito di Cittadinanza” e “Quota cento”) il Parlamento non ha accolto gli emendamenti che erano stati presentati per rendere il testo della norma più attento alle condizioni delle persone con disabilità.
 
Rispetto alle disparità sollevate (ad esempio sul sito HandyLex.org) ENIL Italia (European network on independent living) sta raccogliendo adesioni per promuovere uno specifico ricorso collettivo denunciando la disparità di trattamento. Fra gli indicatori adottati come criteri per l’accesso a reddito e pensione e per calcolare l’importo delle due provvidenze, infatti, c’è anche quello reddituale che conteggia anche le pensioni e gli assegni per invalidità civile, cecità, sordità, pluriminorazioni, anche se non comprese nell’ISEE.

L’effetto meno equo è che le persone con disabilità, pur rientrando nei limiti ISEE e nei limiti patrimoniali, potrebbero rimanere escluse perché alcune provvidenze -pensione di invalidità (invalidi totali) o assegno (o parziali) o ad esempio il contributo per il caregiver -fanno sforare i limiti reddituali imposti dalla normativa vigente. In ogni caso le persone con disabilità, anche nel caso in cui dovessero il reddito o la pensione di cittadinanza, dovranno sempre “accontentarsi” di importi inferiori. Per attivare il ricorso è sufficiente che alcune persone con disabilità o loro familiari che hanno subito quella disparità di trattamento aderiscano all’iniziativa fornendo la relativa documentazione e più precisamente: copia della domanda di reddito o pensione di cittadinanza; esito della domanda. Sarà necessario ottenere tutta la documentazione con una semplice richiesta di accesso agli atti. ENIL Italia spiegherà bene come fare a chi è interessato.
 
Chi è potenzialmente interessato?

  • le persone con disabilità e i loro nuclei che sono titolari di pensione o assegno di invalidità o i nuclei che hanno ottenuto contributi non soggetti a rendicontazione (es. caregiver in alcune regioni) e che hanno ottenuto il reddito di cittadinanza inferiore alla cifra massima attribuibile al nucleo di quella numerosità (ciò accade praticamente sempre);
  • le persone che, pur rientrando nei limiti ISEE, nei limiti patrimoniali, sono state escluse perché superano limiti reddituali a causa dell’importo della pensione di invalidità civile (circa 3800 euro).

Chi è interessato o volesse avere maggiori informazioni può contattare info@enil.it

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilitą

Ledha Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it

Informativa sull'uso dei cookie

Realizzato da Head&Hands & MediaDesign