Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio appuntamenti

Giussano - 17/10/2014

Villa Sartirana - Via Carroccio 2

"Peer counseling della disabilitÓ"

Appuntamento presso la biblioteca civica "Don Rinaldo Beretta" per la presentazione del libro che racconta l'esperienza di Maurizio Fratea.

"Peer counceling della disabilitÓ. La trasformaziane di un'esperienza traumatica in una professione di aiuto" Ŕ il titolo del libro che verrÓ presentato venerdý 17 settembre alla biblioteca civica "Don Rinaldo Beretta" di Giussano (appuntamento alle ore 21).

Da operaio idraulico a scrittore. Quella di Maurizio Fratea Ŕ una vicenda indubbiamente singolare. A 14 anni, mentre giÓ lavora, un incidente che lo costringe a fare i conti con la disabilitÓ. Ma soprattutto a riflettere, nei lunghi mesi d'ospedale per recuperare il recuperabile, sul senso di una vita che vede chiudersi parecchi orizzonti. Scopre quelle che, ama oggi dire, sono possibilitÓ, non ancora risorse. Per diventare tali, c'Ŕ bisogno di applicazione, fiducia, fatica, lavoro, confronto.

Studia. Prima le scuole superiori. Poi l'universitÓ. Si laurea in Scienze dell'educazione. Si crea una propria famiglia. E intuisce di avere una vocazione precisa, umana e professionale: restituire agli altri quello che ha ricevuto, scoperto con la sua intelligenza, approfondito attraverso uno studio appassionato e caparbio. La figura del counselor, non ancora consolidata in Italia in ambito psico-pedagogico, viene interpretata da Fratea come un vera e propria pratica di attivazione delle risorse. Per tutti c'Ŕ la possibilitÓ di un senso e di un ruolo. La disabilitÓ, in particolare, Ŕ un'occasione per vedere lati nuovi della realtÓ, maturare nuove sensibilitÓ, arricchire il mondo.

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa