Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitą alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitą

A cura di Ledha

Archivio opinioni

2 Marzo 2021

Nessuna vittima dimenticata!

di Marine Uldry, responsabile diritti umani EDF

Le persone con disabilitą sono ad alto rischio di diventare vittime e sopravvissuti di crimini, tra cui violenza, incitamento all'odio e molestie.

Si stima che ogni anno 75 milioni di persone in tutta Europa continuino a essere vittime di reati. Le persone con disabilità sono ad alto rischio di diventare vittime e sopravvissute di crimini, tra cui violenza, incitamento all'odio e molestie. Ad esempio, le donne con disabilità hanno da due a cinque volte più probabilità di subire violenza rispetto ad altre donne e il 34% delle donne con problemi di salute o disabilità ha subito violenza fisica o sessuale da parte di un partner nella sua vita.

Il Forum europeo della disabilità (EDF) si unisce alla Giornata europea per le vittime di reati del 22 febbraio ricordando che nessuna vittima deve essere lasciata indietro.

Già vittime di traumi fisici, mentali o di entrambi, le vittime di reato non vedranno negati i loro diritti fondamentali quando denunciano o accedono alla giustizia. Tutte le vittime di reato hanno diritto alla protezione e ad un ambiente sicuro per denunciare il reato e accedere alla giustizia, senza timore di ritorsioni da parte di coloro che hanno causato loro danni. Con l'adozione della Direttiva sui diritti delle vittime (Victims’ Rights Directive) la Commissione europea e gli Stati membri dell'UE si sono impegnati a combattere la violenza e promuovere i diritti delle vittime di reato. Questa direttiva stabilisce una serie chiara di diritti per le vittime di reato e obblighi per i paesi dell'UE e altri attori (altri organismi dell'UE, organizzazioni di sostegno alle vittime e organizzazioni della società civile) per garantire questi diritti nella pratica. Riconosce l'importanza di garantire i diritti delle vittime con disabilità attraverso l'accessibilità del sistema giudiziario, dalla comunicazione accessibile ai locali accessibili.

Tuttavia, è ancora molto difficile per le vittime con disabilità in tutta Europa rivendicare i propri diritti a causa della mancanza di informazioni, sostegno e protezione.

Perché la strategia dell'UE per i diritti delle vittime è importante per le persone con disabilità?

La Strategia riconosce che le persone con disabilità sono spesso vittime di abusi, inclusi crimini ispirati dall'odio, e che il loro accesso alla giustizia è più difficile, soprattutto se sono private della capacità giuridica. Una volta vittime di un crimine, le persone con disabilità hanno difficoltà ad accedere alle misure di sostegno e ai servizi disponibili per altre vittime e ad esercitare i propri diritti nei confronti e nel procedimento penale. Questi servizi a disposizione di tutte le vittime spesso non sono loro accessibili.

La strategia prevede quindi azioni importanti:

Cosa sta facendo EDF?

Maggiori informazioni

 

Marine Uldry, responsabile diritti umani EDF

Traduzione a cura di Luisella Bosisio Fazzi, tesoriera LEDHA

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa