Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitā alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitā

A cura di Ledha

Ultime opinioni

31/08/2019

La CEDU non si pronuncia sui diritti delle persone con disabilitā

Di Inclusion Handicap

La Corte europea dei diritti dell'uomo non si č espressa sulla vicenda di un cittadino svizzero che non ha potuto accedere a un cinema. Il commento dell'associazione che ha promosso la causa

Per le persone con disabilità che si spostano in sedia a rotelle non esiste un diritto ad accedere in una specifica sala cinematografica. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) nella sentenza 40477/13 pubblicata il 18 luglio 2019 con cui ha giudicato inammissibile il ricorso presentato da un cittadino svizzero che, nell’ottobre 2008, voleva vedere un film che veniva proiettato in una sola sala cinematografica di Ginevra. Una struttura rinnovata prima dell'entrata in vigore della legge federale sull'eliminazione di svantaggi nei confronti delle persone con disabilità e quindi priva di un ingresso accessibile.

Il ricorso era stato presentato da un uomo di 51 anni, psicologo di professione, sostenuto da "Inclusion Handicap", un'organizzazione federativa delle associazioni elvetiche delle persone con disabilità. I giudici di Strasburgo hanno però argomentato che dall'articolo 8 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo, che sancisce il diritto al rispetto della vita privata e familiare, non può essere dedotto il diritto di accedere a un cinema particolare per vedervi uno specifico film, se vi sono altri cinema nelle vicinanze. “Inclusion Handicap” aveva cercato di porre la questione in modo più ampio, in una prospettiva complessiva: per i disabili, argomentava l'organizzazione, la somma delle barriere è una restrizione nella loro vita. Va quindi sanzionato anche il singolo caso. Pubblichiamo di seguito il commento di “Inclusion Hanicap” alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo. Il testo integrale della sentenza è disponibile in allegato.


Una persona in sedia a rotelle è stata respinta all’ingresso di un cinema proprio perché è in sedia a rotelle. È questa la situazione vissuta nel 2008 a Ginevra (Svizzera) da Marc Glaisen, paraplegico e su sedia a rotelle. In base a quanto previsto dall’articolo 6 della legge sull’eguaglianza delle persone con disabilità (LHand), ha presentato ricorso al Tribunale federale con il supporto tecnico di Inclusion Handicap. Secondo questa disposizione, "i privati che forniscono servizi al pubblico non devono discriminare una persona con disabilità sulla base della sua disabilità". Dopo che il Tribunale federale ha respinto il ricorso, nell'agosto 2013 Marc Glaisen ha portato la sua vicenda davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

Nel suo ricorso, ha criticato il punto di vista del Tribunale federale secondo cui non vi sarebbe stata discriminazione nei suoi confronti dal momento che il comportamento del gestore del cinema non presenta un intento doloso, ma una preoccupazione per la sicurezza del ricorrente. Secondo quanto sostiene il manager, in caso di incendio i dipendenti del cinema non avrebbero potuto salvare una persona in carrozzina. Il Tribunale federale non ha tenuto conto del fatto che le conseguenze dell'esclusione sono discriminatorie per Marc Glaisen, che avrebbe potuto vedere il film senza problemi se non fosse stato su una sedia a rotelle.

Problema di discriminazione non risolto
Nel dispositivo della sentenza, la Corte europea dei diritti dell'uomo non ha nemmeno preso in considerazione la questione della discriminazione. Secondo la sua giurisprudenza, almeno un’altra norma sui diritti umani deve essere contemplata per poter giudicare eventuali discriminazioni. Il signor Glaisen ha sostenuto che il rifiuto di accesso lo abbia limitato nella sua vita privata (in base a quanto previsto dall’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo) e nella sua libertà di informazione (articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo). Tuttavia, la Corte ha confermato la sua prassi attuale. Ritiene infatti che circostanze particolari come un viaggio al cinema non abbiano un peso sufficiente a consentire di invocare una violazione dell'articolo 8 e non ha seguito l'argomento presentato dal Glaisen secondo cui è necessario adottare una prospettiva globale e tener conto del fatto che la somma delle circostanze particolari limita effettivamente la sua vita privata. Infatti è molto comune che alle persone su sedia a rotelle sia impedito l'accesso a cinema, ristoranti, grandi magazzini, sale da concerto e altri luoghi.

La Corte europea dei diritti dell'uomo non si è mai pronunciata prima d'ora sulla libertà d'informazione nel contesto della mancanza di accessibilità per le persone con disabilità.

La prassi del Tribunale federale non è conforme al diritto internazionale
Tuttavia, l'interpretazione restrittiva della discriminazione da parte del Tribunale federale dovrebbe continuare ad essere criticata. Non è compatibile con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità che la Svizzera si è impegnata a rispettare. Nell'autunno 2020 il Comitato delle Nazioni Unite per i diritti delle persone con disabilità esaminerà l'attuazione dei diritti delle persone con disabilità in Svizzera. Molto probabilmente sarà portato a criticare questa pratica. L'inclusione della disabilità lo aveva previsto nella relazione alternativa sull'attuazione della CRPD.

Il caso Marc Glaisen e l'attuale prassi giudiziaria mostrano chiaramente la distanza tra le persone con disabilità e l'uguaglianza di fatto. Inclusion Handicap continuerà il suo impegno in prima linea nella lotta per una vera uguaglianza.

 

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilitā

Ledha Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it

Informativa sull'uso dei cookie

Realizzato da Head&Hands & MediaDesign